Stampa

In questi giorni il mondo intero celebra una delle pi? grandi feste cristiane, la Risurrezione di Ges? Cristo, la Pasqua. Il simbolo della Pasqua ? l’uovo, il quale con l’accettazione da parte del cristianesimo si utilizza in riti religiosi e svolge in essi un ruolo importante. Il rito cristiano di scambiarsi le uova  durante la Pasqua (pysanky – uovo dipinto) si ? connesso con la vita di Maria Maddalena e la risurrezione di Ges? Cristo. In una delle leggende si dice: "Quando l'imperatore Tiberio apprese la notizia della condanna e la morte del profeta di nome Ges?, si arrabbi? molto e invit? il governatore Pilato a Roma presso di s?, per render conto di questo evento. Temendo l’ira dell'imperatore, Pilato prese con s? le vesti di Cristo sulle quali i soldati avevano gettato la sorte sotto la croce, le quali davano questo potere a chi le indossava:  l'amore e la gentilezza verso le persone. Avendo quelle vesti, tutte le volte che Pilato era davanti all’imperatore, ebbe sempre una calda accoglienza, e Tiberio dimenticava i rimproveri per Pilato. Nel frattempo venne dalla Palestina a Roma Maria Maddalena e, stando davanti all'imperatore, gli diede in dono delle uova tinte di rosso, salutandolo con le parole: "Cristo ? risorto!" Allora Tiberio ricord? quello che doveva chiedere a Pilato e, dopo aver ascoltato la storia da Maria Maddalena riguardo il Salvatore e le sue vesti, comand? di riprendere le vesti da Pilato e punire il colpevole. I cristiani, sapendo che Maria Maddalena in occasione del Risurrezione di Cristo aveva dato le uova dipinte, anch’essi iniziarono a donarsele vicendevolmente con il gioioso saluto: "Cristo ? risorto".

Hanno celebrato la Pasqua i pi? giovani parrocchiani dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, e si sono preparati ad essa diligentemente e con attenzione. In particolare, mostrando in forma di fiabe “Regina di uova di Pasqua”, hanno raccontato sulla tradizione del popolo ucraino nella pittura delle uova di Pasqua e dell'impossibilit? di un lavoro cos? importante senza la preghiera e il ricorso a Dio. Gli attori sono stati: “Pysanchok” (pittore dell’uovo), Preghiera, Candela, Colori, Ragazzo, Ragazza e, naturalmente l’incomparabile regina di uova di Pasqua. Durante la sceneggiatura “Pysanka”  non colorata, grazie all’abilit? delle esibizioni di Pysanochka (pittore al lavoro con le vernici), la Preghiera e la Candela, si sono trasformate nella regina delle uova di Pasqua, per cui ? mancato poco che il Ragazzo con la Ragazza non abbiano litigato volendo ognuno di essi vedere tale bellezza nel proprio cesto pasquale.

Alla fine della rappresentazione tutti i bambini hanno giocato “Haivka”.

I genitori sono grati per le sorelle “Mironositsy” per l’organizzazione della sceneggiatura e le “Haivoky”.

Parrocchiani della Cattedrale